tessera RdC

VOTARE MELONI E RITROVARSI IN STRADA

DI GIANCARLO SELMI

Giancarlo Selmi

 

Molti percettori di reddito di cittadinanza hanno votato a destra o non hanno votato affatto. Molti dei possessori della ormai famigerata tesserina gialla, pensavano che i soldi necessari per la loro sopravvivenza, giungessero dai CAF, non da un gruppo politico che ha posto la solidarietà nel suo programma, un gruppo che considera prioritari i temi sociali e la lotta contro il neoliberismo.
Invece hanno votato per chi non li rappresentava affatto. Per la parte politica più lontana dai propri interessi. Oppure si sono astenuti, dando forza a quella stessa parte politica.
Qualcuno quelle scelte (quella di votare il signor Melo, o di non votare affatto), le ha definite, nobilitandole, “sindrome di Stoccolma”. Io sono più propenso a definirle Sindrome da Imbecillità incurabile e senza ritorno. Quelli che hanno votato il signor Melo, tenendo in tasca la tesserina gialla, oggi saranno contenti, hanno realizzato il loro sogno: gli odiati negri saranno respinti. Peccato che quelli respinti, povere vittime della propaganda destrorsa, saranno una parte infinitesimale di quelli che continuano e continueranno ad entrare. Peccato che, fra qualche giorno, la tesserina gialla potranno gettarla nel cesso, e non avranno come sostentarsi. Però avranno realizzato il loro sovranista e razzista sogno del caxxo.
Saranno finalmente avviati ad un lavoro che non esiste. Probabilmente faranno dei corsi di formazione con lo stomaco vuoto, con i loro figli con le bocche aperte, come degli uccellini in attesa, nel nido, di una madre o un padre con il verme nel becco. Verme che non arriverà. Nella migliore delle ipotesi, nessun corso di formazione perché saranno costretti ad accettare un lavoro a 800 km di distanza, a 800 euro al mese, senza diritti e con orari “flessibili”. Flessibilità intesa come piace alla Santanchè e ai suoi amici ristoratori: sai quando cominci, ma non prendere impegni perché non sai quando finisci.
Benvenuti nel medioevo delle destre. Avete votato il Signor Melo? Vi siete astenuti? Bene: cercate il miglior metodo per sputarvi in faccia. Da soli. Da fenomeni quali siete, riuscirete a farlo senza aiuto.