pagina Corriere RdC

A CHI SERVE TOGLIERE IL REDDITO DI CITTADINANZA

DI TURI COMITO

TURI COMITO

 

Pare sia tra le priorità del nuovo governo eliminare il reddito di cittadinanza agli “occupabili” (cioè a chi non è affetto da situazioni o patologie che ne pregiudicano le capacità lavorative).
Secondo l’Agenzia nazionale delle politiche attive del lavoro, Anpal, sono 660.000 coloro che potrebbero a breve non ricevere più il sussidio.
– per il 53% si tratta di donne.
– per 72% si tratta di persone con la licenza media
– per il 71% si tratta di persone che risiedono nelle regioni meridionali e insulari.
In estrema sintesi: si sta togliendo un sussidio laddove (al Sud) le possibilità di lavoro sono – per le condizioni del tessuto economico complessivamente scadenti – difficili se non inesistenti.

Quello che succederà sarà una ripresa:a) del lavoro nero, sottopagato e schiavista (quello non manca mai, anche se non ce n’è per tutti);b) del flusso migratorio verso il Nord o verso l’estero laddove manca manodopera non specializzata o comunque in grado di essere assorbita da un sistema di produzione efficiente che necessita di forza lavoro in ogni sua forma (dalla pulizia dei cessi alla manovalanza edile).c) dell’impoverimento umano e dello spopolamento, ulteriore, delle regioni del sud.

Questo a meno che il governo non promuova un piano straordinario per il quale imprese private trovino conveniente e addirittura necessario “delocalizzare” al Sud aumentando le offerte di lavoro e dunque l’occupazione degli occupabili.
Come possa avvenire una delocalizzazione al sud se non attraverso sgravi fiscali costosissimi per lo Stato, infrastrutture al servizio delle aziende delocalizzatrici (quelle esistenti servono poco o non servono affatto. Quando ci sono), apertura di mercati geograficamente contigui e molto altro non è dato sapere.
Ci si penserà dopo, immagino.

Dice: ma perché dovrebbe pensarci questo governo e gli altri non ci hanno pensato a creare le condizioni per occupare gli occupabili al sud?Probabilmente perché tra vincoli europei, totale assenza di progetti di futuro per questo stupido paese, volontà di fare migrare al nord giovani e meno giovani del sud, gli altri governi hanno preferito non mettere mano alla questione delle questioni: il dualismo nord/sud. Perché, come si vede, si dice RdC ma si legge Sud.

Ad occhio mi pare che manco questo sia interessato a trovare una soluzione al problema. A parte la stronzata colossale del Ponte.
E’ un governo ideologico. Di ideologia liberista e con interessi territoriali definiti e chiari (il nord).
Gli serve manodopera per il Nord che sia bianca e non colorata. Cattolica e non islamica.
L’avrà.