film Gravity

IL FILM DI OGGI: GRAVITY

DI GRAZIANO DELLACASA

REDAZIONE

 

Nel 2013 Alfonso Cùaron firma “GRAVITY”.
E’ un film di azione ambientato nello spazio.
Ryan Stone, biologa, affronta il suo primo viaggio spaziale guidata dal veterano capitano Matt Kowlasky.
Nel corso nel viaggio si viene a creare una situazione tale per cui entrambi devono uscire dalla navicella per apportare manutenzione.
In questo frangente si consuma una grande criticità: frammenti di un satellite oramai obsoleto di propagano con grande velocità travolgendo entrambi.
La situazione disperata induce il Capitano a convincere Ryan che solo uno può salvarsi.
Egli le chiede di tagliare il tubo di collegamento per consentirle di ritornare nell’abitacolo.
Il corpo del Capitano si allontana nello spazio infinito (omaggio a 2001 Odissea nello Spazio).
Ryan ora è sola e deve cercare di governare ciò che non conosce.
Una concatenazione di casualità le sarà favorevole per poter ritornare con successo.
Ma sono i “flash” e le valutazioni che quando sola nell’Universo la inducono a ponderare.
Ryan ipotizza ed è turbata dal pensiero di poter essere più vicina alla figlia defunta e quindi si pone l’interrogativo se vuole realmente ritornare.
Le appare però una sorta di ologramma del Capitano che la esorta a crederci, vedendola in stato di incertezza guidandola nelle operazioni più difficili.
Ryan approderà in mare e, uscita dall’abitacolo, sfinita, muoverà i primi passi avvertendo una certa difficoltà nell’affrontare ancora la forza di gravità.
Ryan ha visto l’UNIVERSO non definibile in dimensioni ma solamente un grande spazio dove può esservi di tutto: così come descritto dagli scienziati.
E’ tornata sulla Terra forse per un irrazionale istinto ma qualcosa lo ha lasciato lassù.
Tocco del regista (vinse l’OSCAR) nel proporre il quesito filosofico allo spettatore. Da Cineforum!
Bellissimo… da vedere
Cast: bravissima Sandra Bullock… George Clooney e Ed Harris