Gasparri ddl aborto

SONO PRO VITA: LA VITA DELLE DONNE

A CURA DI RITA NEWTON

Rita Newton

 

Maurizio Gasparri ha presentato un disegno di legge per riconoscere la capacità giuridica del nascituro.

Qualora entrasse in vigore una simile legge, si potrebbe ipotizzare un reato di omicidio per chi praticasse l’aborto ed eventualmente per la donna che vi si sottoponesse. O potrebbero esservi altri ostacoli giuridici all’aborto.

Quello che ora voglio proporre è una riflessione da parte di una anonima americana, nel cui paese la Corte Suprema ha rovesciato la precedente posizione che riteneva l’aborto un diritto costituzionale.

La lettera

Sono a favore di Becky che ha scoperto durante l’ecografia alla 20sima settimana che il feto, che era così entusiasta di portare in questo mondo, si era sviluppato senza organi per il sostegno vitale.

Sono a favore di Susan che è stata stuprata mentre tornava a casa dal lavoro, per poi giungere all’orribile consapevolezza che era incinta del suo aggressore.

Sono a favore di Theresa che ha sofferto una orribile emorragia a causa di un distacco di placenta, costringendo i suoi genitori, coniuge e fratelli a prendere la decisione impossibile se salvare lei o il suo bambino non ancora nato.

Sono a favore della piccola Cathy a cui è stata strappata via la sua innocenza da qualcuno di cui avrebbe dovuto potersi fidare e il suo corpo da undicenne che ora non è abbastanza maturo per sopportare le conseguenze di quel tradimento.

Sono a favore di Melissa che fa già due lavori e deve scegliere se far nascere un bambino in povertà o nutrire i bambini che ha già perché il suo compagno l’ha abbandonata.
Sono a favore
di Brittany che si rende conto che non è in alcun modo finanziariamente, emotivamente o fisicamente in grado di crescere un bambino.

Sono a favore di Emily che ha subito la fecondazione in vitro all’estero e ora ha sei uova impiantate e vitali che richiedono una riduzione selettiva per garantire la sua sicurezza.

Sono a favore di Jessica che finalmente sta raccogliendo le forze per allontanarsi dal suo compagno violento per poi scoprire di essere incinta.

Sono a favore di Vanessa che è arrivata all’appuntamento per la sua ecografia di conferma dopo anni di tentativi di concepimento solo per sentirsi dire che regna il silenzio dove dovrebbe esserci un battito cardiaco.

Sono a favore di Lindsay che è incinta a causa di un preservativo rotto e ora deve scegliere se essere una mamma adolescente o solo una adolescente.

Sono a favore di Courtney che ha appena scoperto di essere già alla 13sima settimana, ma l’uovo non è mai uscito dalla sua tuba di Falloppio, quindi o interrompe la gravidanza o rischia di morire per emorragia interna.

La verità è che:

Sono pro-vita.Le loro vite.

La vita delle donne.

Non possiamo scegliere quali scenari dovrebbero essere accettabili. Non si tratta di capire con quali di queste storie non sei d’accordo. Si tratta di combattere per le donne e le loro scelte.
I diritti delle donne hanno lo scopo di proteggere tutte le donne: stravolgere le norme non riduce gli aborti, riduce gli aborti SICURI.
La contraccezione accessibile e l’educazione sessuale riducono gli aborti.
L’aborto è assistenza sanitaria.”

Anonimo