Ignazio La Russa

ELETTO LA RUSSA: I 19 VOTI MANCANTI

DI GIUSEPPE SALAMONE

GIUSEPPE SALAMONE

 

Dopo la spaccatura della destra, ancora prima di cominciare a formare il governo, per eleggere La Russa mancavano 19 voti.

Renzi può dire ciò che vuole, ma in queste situazioni che creano scompiglio i suoi voti ci sono sempre. Gli altri credo che bisogna cercarli dentro Base Riformista che si trova dentro il PD, la corrente Renziana dove comanda “Guerini”, o AreaDem.

Perché? Perché uno tra Guerini e Borghi (suo braccio destro) deve andare alla presidenza del Copasir e per una vicepresidenza di una delle due camere (guerra interna PD).

Quando dicevo che Fratelli d’Italia e PD fossero due facce della stessa medaglia mi beccavo caterve di insulti. Oggi invece a causa di questa medaglia ci troviamo La Russa presidente del Senato. In ogni caso è stato vicepresidente del Senato per quasi cinque anni e nessuno pare se ne sia accorto.

Questo è solo l’antipasto di ciò che ci aspetta, e non sarà la cosa peggiore. Forse la migliore delle peggiori.