energia nucleare

LA TRASMUTAZIONE NUCLEARE CI CAMBIERA’ LA VITA

DI GABRIELLA DE BONI *

REDAZIONE

 

Una buona notizia, ogni tanto.

Due giorni fa, alla Fiera delle Parole di Padova, ho seguito un intervento dello scienziato Fabio Fracas che ha spiegato cos’è la trasmutazione nucleare, ossia la terza via alla produzione di energia nucleare (oltre all’attuale fissione, che ha ancora grossi problemi di sicurezza e di smaltimento delle scorie, e alla fusione, che è ben lungi dall’essere messa in produzione).

L’idea viene da Carlo Rubbia e molti centri di ricerca ci stanno lavorando in tutto il mondo

Le caratteristiche principali sono le seguenti:

– si può definire come una fissione intrinsecamente sicura, come non può essere definita l’attuale fissione nucleare che necessita di poderose tecnologie per il controllo delle reazioni a catena (quelle che a Chernobyl sono state fatali) e per la riduzione degli altissimi rischi intrinseci;

– le attuali scorie radioattive possono essere utilizzate per la combustione: se ne ricavano scorie con radioattività molto inferiore, ossia con un’emivita che passa da 130.000 a 300 anni, che possono essere riciclate più volte;

– il materiale principale, il torio, è 360 volte più diffuso dell’uranio;

– per il raffreddamento non si utilizza acqua, ma piombo fuso;

Il primo prototipo potrebbe essere attivo fra una decina d’anni.

Chiaramente, se questa tecnologia entrasse a regime, sarebbe molto importante l’impatto positivo sull’ambiente, ma anche l’impatto sugli equilibri politici ed economici mondiali (non si sa se positivi o negativi), perché la mappa di distribuzione del torio sul mondo copre aree molto diverse da quella del petrolio.

Cambierebbero davvero moltissime cose. Chissà.

paesi produttori torio

 

paesi produttori petrolio

paesi produttori gas

* ingegnere