IL FALSO MITO DEL VOTO UTILE

DI GABRIELLA DE BONI

REDAZIONE

 

Il falso mito del voto utile ha molte responsabilità nello svuotamento della nostra democrazia, moltissime, oltre ad averci ulteriormente divisi a sinistra e aver di fatto creato quel mostro amorfo che è l’attuale centrosinistra.

Perché io mi sono convinta che tutto questo venga proprio da lì: dopo trent’anni di voto “utile” forse si può dire, no?

Abbiamo perso il senso dell’importanza dell’opposizione, importante tanto quanto il governo, forse anche di più perché può esprimersi e muoversi con più libertà e costituisce un fondamentale contrappunto e contrappeso a chi sta alla maggioranza. E parlo non solo di opposizione in senso stretto, ma di qualsiasi soggetto politico autoconsistente capace di porsi in modo critico nei confronti di chi sta al potere.

Non esiste buon governo senza buona opposizione: è questa l’essenza stessa della democrazia, e io sono sconvolta dalla quantità di persone che sembrano non rendersene conto.

Il pensiero unico al potere, il governo stabile in modo assoluto, non è sano. È una patologia che ci hanno fatto passare per bene supremo, e io sono davvero allucinata che ci siano riusciti.
Tutti vogliono governare ad ogni costo, nessuno vuole più fare opposizione. Questa è patologia.

Se il tuo è un pensiero di minoranza non puoi assimilarlo a quello di maggioranza per andare al governo. Devi difenderlo fino in fondo e portarlo avanti con più forza proprio perché è di minoranza, e difenderlo è indispensabile per bilanciare e migliorare il pensiero della maggioranza, obbligarla a mettersi continuamente in discussione attraverso il confronto.

Come abbiamo fatto a dimenticarci in modo così diffuso questi principi fondamentali della democrazia?