LE PICCOLE ISOLE DEL MEDITERRANEO, SPLENDIDE E FRAGILI

DI RITA NEWTON

 

La tutela ambientale nel Mediterraneo passa anche attraverso lo sviluppo sostenibile delle sue isole, che hanno delle peculiarità e delle fragilità tali da richiedere pianificazione e strumenti di gestione e di sviluppo ben diversi dalla terraferma o dalle grandi isole.
Sono limiti la scarsità di risorse, di suolo e di acqua potabile; l’assenza di ospedali; le distanze dalla terraferma o da grandi isole con difficoltà di approvvigionamento di alcuni beni in caso di maltempo; il problema dell’inquinamento marittimo, che per la terraferma riguarda soltanto la costa, per una piccola isola l’intero perimetro della stessa; la fuga degli abitanti verso la terraferma in cerca di lavoro e di maggiori infrastrutture.
Le isole mediterranee sono al centro di spostamenti umani dovuti alla pesca commerciale, alle migrazioni e al turismo.
Quest’ultimo, in particolare, porta vantaggi economici ma comporta anche un impatto negativo in termini di improvviso aumento massiccio di richieste di risorse (ad es idriche) e produzione aggiuntiva di inquinamento e rifiuti che, se non adeguatamente smaltiti, possono risultare non sostenibili.
Un altro aspetto da tenere in considerazione, soprattutto per l’inquinamento ambientale, per gli aspetti urbanistici e per la produzione di energia (si pensi alle pale eoliche o alle distese di pannelli fotovoltaici), è la tutela del paesaggio, essendo questo non solo protetto da norme di diverso livello ma una fonte di reddito essenziale, in ragione appunto del turismo.
Per massimizzare i vantaggi, chi gestisce la programmazione dello sviluppo e la destinazione degli stanziamenti deve evitare di guardare la piccola isola a sé stante, ma prendere in considerazione il mosaico di piccole isole (tutte quelle del Mediterraneo a livello internazionale e solo quelle italiane per quanto riguarda le politiche nazionali) il cui sviluppo va valutato in modo complessivo riuscendo così ad ottenere economie di scala e servizi condivisi.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante corpo idrico e natura