ANTI – NATO O PRO – PUTIN?

DI RITA NEWTON

 

Se rilevo l’errore o le incoerenze di qualcuno non sono anti-qualcuno. E’ una semplificazione strumentale a chiudere la bocca al dissenso ingenerando pure odio per la persona etichettata.
A chi accusa altri di essere anti-NATO o anti-USA dico che basta pensarci un attimo mettendo al posto della NATO o degli USA vostra madre che fa un errore o i cui comportamenti contraddicono le dichiarazioni e voi che lo rilevate. Non è che odiate vostra madre o siete contro di lei.
Un discorso analogo vale per le accuse di essere pro-Putin a chi fa una ricostruzione storica degli eventi che hanno preceduto l’aggressione russa all’Ucraina.
Leonardo da Vinci diceva “Il torto e la ragione non stanno mai da una sola parte”.
C’è chi non tifa per partito preso ma analizza i fatti in modo scientifico e attribuisce a ciascuno le proprie responsabilità, in modo da poter risolvere una situazione senza usare subito la clava.
Certo tutto ciò lo si capisce solo se si vuole (e si sa) pensare e non si è pagati per fare propaganda.